Un altro mondo è possibile?

Quali immagini determina la frase “un altro mondo è possibile”?

Come sarebbe questo mondo altro? Come lo si costruisce? Da dove si può ripartire?

Oggi tante persone a livello globale e in occidente sono tornate a riempire le piazze e ad animare movimenti più o meno numerosi, mossi in prima battuta dall’urgenza della soluzione alla crisi climatica (c’è un climate clock che ricorda che abbiamo solo sette anni per azzerare le emissioni di gas serra) ma anche da una forte attenzione alle questioni sociali e alle ingiustizie strutturali.

La consapevolezza di quanto accaduto negli ultimi vent’anni può darci degli elementi per essere più preparati ad affrontare le sfide e le contraddizioni che il futuro ci presenterà?

Queste sono le domande che, come Movimento di giovani, ci stiamo ponendo, cercando di riflettere insieme su quale futuro riuscire a costruire!

11/01/2022
Articolo di