Nome in codice: Caesar. Detenuti siriani vittime di tortura

Da giovedì 5 ottobre fino al 17 ottobre, per la prima volta a Torino, presso il Polo del ‘900, in Via del Carmine 14, saranno esposte le immagini fotografiche di “Nome in codice: Caesar. Detenuti siriani vittime di tortura” una Mostra internazionale voluta e promossa in Italia da FNSI – Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Amnesty International Italia, FOCSIV – Volontari nel Mondo, Un Ponte Per, Unimed – Unione delle Università del Mediterraneo ed Articolo21.

La Mostra è una selezione di 30 fotografie delle oltre 50mila trafugate dall’ex-ufficiale della polizia militare siriana identificato con il nome in codice “Caesar”, incaricato dal Governo della Siria di documentare quanto accadeva ai detenuti nelle proprie carceri. Sono immagini scioccanti che testimoniano quanto accaduto agli oppositori lungo l’arco di tre anni nelle carceri siriane, tanto che nel Rapporto redatto dalla Commissione d’inchiesta sulla Siria costituita dal Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU (OHCHR) presieduta dal giurista Paulo Sérgio Pinheiro, Caesar ha dichiarato:
“Detenuti sotto custodia del Governo sono stati picchiati a morte o sono morti come conseguenza di ferite patite a causa di torture. Altri sono morti a causa di condizioni detentive inumane. Il Governo ha commesso i crimini contro l’umanità di sterminio, assassinio, stupro o altre forme di violenza sessuale, tortura, sparizione forzata, o altri atti disumani. Per via della medesima condotta sono stati commessi anche crimini di guerra.”

La settimana di esposizione della Mostra a Torino permetterà di raccontare e divulgare, anche fra i cittadini torinesi, quanto si sta consumando realmente in Siria. Grazie ad alcuni incontri con importanti ospiti, che animeranno dibattiti, proiezioni di film-documentari e presentazioni di libri, si affronteranno le questioni, poco trattate, della crisi siriana e si esploreranno gli scenari futuri del Paese e di tutto il vicino Oriente.

info e prenotazioni fondazionenocentini@gmail.com

Promotori locali: Fondazione Nocentini partner del Polo del ‘900, Focsiv Con il patrocinio e il contributo del Consiglio Regionale del Piemonte Con il patrocinio della Città di Torino
Con il contributo della Fondazione CRT

Aderiscono: Acmos, Associazione Stampa Subalpina, Centro Studi Sereno Regis, Gruppo Abele, Sermig

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO