Caro Vito, ti scrivo…

Caro Vito, ti scrivo…
Con questa iniziativa, quest’anno, vogliamo avvicinarci al #22novembre, Quarta Giornata Nazionale per la sicurezza scolastica.

Insieme a Benvenuti in Italia e  Libera Piemonte  e tutta la rete del We Care, invitiamo gli studenti d’Italia a scriverci, raccontarci della propria scuola, delle criticità in merito all’edilizia scolastica che vedono quotidianamente nelle proprie aule e anche degli aspetti positivi. Ma di più, vogliamo invitarli a prendere consapevolezza anche dei comportamenti violenti o nocivi che si svolgono tra le mura scolastiche: atti di bullismo o cyberbullismo, sempre più diffusi.

Le testimonianze possono essere spedite via mail a fondovitoscafidi@benvenutiinitalia.it. Le leggeremo e le raccoglieremo per stare sempre più vicini agli studenti e ascoltare, attraverso la loro voce, come stia cambiando la consapevolezza della sicurezza scolastica in Italia. Le parole più toccanti, quelle più critiche o propositive, saranno consegnate al Ministro dell’istruzione, Lorenzo Fioramonti, in occasione del 22 novembre.

La Giornata del 22 novembre si articolerà in due momenti: appuntamento alle 9,30 in piazza Castello, per dare vita a un corteo nel quale saranno ricordate tutte le vittime dell’edilizia scolastica, come i giovani morti nella Casa dello Studente dell’Aquila o i bambini di San Giuliano di Puglia. La marcia attraverserà le vie del centro di Torino, fino all’IIS Avogadro, dove avrà luogo il secondo momento: un’assemblea di confronto sulla sicurezza scolastica, alla quale parteciperanno istituzioni, associazioni e delegazioni studentesche. Alla Giornata prenderà parte come di consueto la famiglia di Vito Scafidi.

Tra le novità di questa edizione, c’è il lancio di una borsa di studio finanziata grazie alla rinuncia ai diritti d’autore del collettivo ISAGOR, autori del libro “La Repubblica d’Europa” (add editore).

La giornata sarà l’occasione anche per dar conto della recente firma del “Protocollo di collaborazione in tema di cultura della sicurezza”, tra la Fondazione Benvenuti in Italia e il Dipartimento della Protezione Civile.

22 novembre, una data spartiacque, scelta nel 2015 come Giornata Nazionale per la Sicurezza scolastica: un giorno per ricordare e per ribadire l’impegno per una scuola sicura. Da quel tragico sabato mattina del 2008, quando Vito Scafidi, studente del liceo Darwin di Rivoli, perse la vita schiacciato dal crollo del controsoffitto, molto è cambiato. Da allora, nessuno ha più potuto ignorare il problema o invocare la “Tragica fatalità”. Negli anni la sicurezza scolastica è finalmente divenuta una priorità per gli studenti e i docenti nel nostro Paese, lo è diventata per la politica e le istituzioni e lo sarà per sempre per la famiglia Scafidi, che accompagniamo da anni.

Scarica:

07/11/2019
Articolo di