There are no upcoming events.

  • #22novembre: Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole
    La “Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole”, istituita dall’articolo 1, comma 159, ultimo periodo, della legge 13 luglio 2015, n. 107, intende promuovere, valorizzare e condividere le attività e le iniziative realizzate dalle scuole sui temi della sicurezza e della prevenzione dei rischi. Tale giornata è stata fissata al 22... Read more »
  • Ergastolo Ostativo: parola a Federico Cafiero De Raho
    «Chi è mafioso resta mafioso. A meno che non faccia una scelta di campo rendendo dichiarazioni» Queste le parole di Federico Cafiero De Raho sulla sentenza della Corte Costituzionale sull’ergastolo ostativo. Secondo la Suprema Corte, è da considerarsi incostituzionale subordinare la concessione di permessi premio alla collaborazione dei detenuti con...... Read more »
Carica altri articoli

Caro Vito, ti scrivo…

Caro Vito, ti scrivo…
Con questa iniziativa, quest’anno, vogliamo avvicinarci al #22novembre, Quarta Giornata Nazionale per la sicurezza scolastica.

Insieme a Benvenuti in Italia e  Libera Piemonte  e tutta la rete del We Care, invitiamo gli studenti d’Italia a scriverci, raccontarci della propria scuola, delle criticità in merito all’edilizia scolastica che vedono quotidianamente nelle proprie aule e anche degli aspetti positivi. Ma di più, vogliamo invitarli a prendere consapevolezza anche dei comportamenti violenti o nocivi che si svolgono tra le mura scolastiche: atti di bullismo o cyberbullismo, sempre più diffusi.

Le testimonianze possono essere spedite via mail a fondovitoscafidi@benvenutiinitalia.it. Le leggeremo e le raccoglieremo per stare sempre più vicini agli studenti e ascoltare, attraverso la loro voce, come stia cambiando la consapevolezza della sicurezza scolastica in Italia. Le parole più toccanti, quelle più critiche o propositive, saranno consegnate al Ministro dell’istruzione, Lorenzo Fioramonti, in occasione del 22 novembre.

La Giornata del 22 novembre si articolerà in due momenti: appuntamento alle 9,30 in piazza Castello, per dare vita a un corteo nel quale saranno ricordate tutte le vittime dell’edilizia scolastica, come i giovani morti nella Casa dello Studente dell’Aquila o i bambini di San Giuliano di Puglia. La marcia attraverserà le vie del centro di Torino, fino all’IIS Avogadro, dove avrà luogo il secondo momento: un’assemblea di confronto sulla sicurezza scolastica, alla quale parteciperanno istituzioni, associazioni e delegazioni studentesche. Alla Giornata prenderà parte come di consueto la famiglia di Vito Scafidi.

Tra le novità di questa edizione, c’è il lancio di una borsa di studio finanziata grazie alla rinuncia ai diritti d’autore del collettivo ISAGOR, autori del libro “La Repubblica d’Europa” (add editore).

La giornata sarà l’occasione anche per dar conto della recente firma del “Protocollo di collaborazione in tema di cultura della sicurezza”, tra la Fondazione Benvenuti in Italia e il Dipartimento della Protezione Civile.

22 novembre, una data spartiacque, scelta nel 2015 come Giornata Nazionale per la Sicurezza scolastica: un giorno per ricordare e per ribadire l’impegno per una scuola sicura. Da quel tragico sabato mattina del 2008, quando Vito Scafidi, studente del liceo Darwin di Rivoli, perse la vita schiacciato dal crollo del controsoffitto, molto è cambiato. Da allora, nessuno ha più potuto ignorare il problema o invocare la “Tragica fatalità”. Negli anni la sicurezza scolastica è finalmente divenuta una priorità per gli studenti e i docenti nel nostro Paese, lo è diventata per la politica e le istituzioni e lo sarà per sempre per la famiglia Scafidi, che accompagniamo da anni.

Scarica:

Leggi tutto >>

Marzia: una “tessitrice psicologa” candidata nella lista PAZ

Marzia Di Girolamo, noi di Acmos la conosciamo bene. Riccioli biondi e un gran sorriso, ha tante idee chiare e voglia di fare. Ha deciso di candidarsi alle elezioni di rinnovo del Consiglio dell’Ordine regionale degli Psicologi di fine novembre con la lista “PAZ – Psicologia in AZione”.

Marzia è giunta a Torino nell’ottobre del 2011 ed ha conseguito la laurea magistrale in Psicologia clinica e di comunità presso l’Università degli Studi di Torino nel 2014. In quello stesso anno Marzia ha deciso di intraprendere due percorsi importanti. Il primo, legato allo studio, l’ha vista dedicarsi al dottorato in Scienze Psicologiche, Antropologiche e dell’Educazione. Il secondo è stato un progetto di vita: sempre nel 2014, infatti, è entrata a far parte della coabitazione solidale “I Tessitori” dell’Associazione ACMOS. Il suo percorso presso la coabitazione è durato 4 anni, di cui due come responsabile.
Per chi ancora non lo conoscesse, “I Tessitori” nascono nel 2006 nelle case popolari di via san Massimo 31 e 33. Il primo progetto di coabitazione solidale della nostra città, per vivere in comunità, accanto agli inquilini con l’obiettivo di “ricucire legame sociale”.

All’interno di questo ambiente, a volte anche difficile e conflittuale, Marzia ha dunque fatto esperienza di convivenza e gestione delle relazioni.

Il suo impegno e la voglia di mettersi in gioco continuano attraverso la candidatura per il rinnovo nel Consiglio dell’Ordine regionale degli Psicologi.

Le elezioni si terranno dal 23 al 26 novembre, così abbiamo deciso di porre alcune domande a Marzia per capire quali ragioni l’abbiano spinta a compiere questo passo.

Pensi che l’esperienza come responsabile di comunità ti abbia fornito competenze e capacità che ti permettono, oggi, di metterti in gioco attraverso la candidatura all’Ordine degli psicologi?

Penso che i percorsi che portano a fare un passo del genere siano diversi e molto complessi, questo vale per tutti, anche per me. Tuttavia, da quando mi è stato proposto di candidarmi, mi trovo spesso a paragonare quanto sto facendo con l’esperienza (e le esperienze) ai Tessitori: le riunioni la sera o nei weekend, i gruppi whatsapp, la divisione dei compiti, contribuire ad un lavoro coordinato di gruppo, pensare in termini progettuali, far coincidere esigenze individuali con quelle territoriali, le dinamiche fra il gruppo e fra i gruppi, saper argomentare ed eventualmente tacere. Inoltre, una grande consapevolezza che mi ha dato la coabitazione è stata quella del poter interagire direttamente coi servizi che ruotano attorno ai bisogni individuali e sociali; i tavoli di monitoraggio mi hanno insegnato a valutare con maggiore attenzione situazioni che apparentemente avevano soluzioni semplici, ho visto le ricchezze e i limiti delle forme di assistenzialismo e del welfare in cui siamo immersi: edilizia residenziale pubblica, bandi pubblici, Centri di Salute Mentale, emergenza abitativa, educatori, Comune di Torino, Vigili di Prossimità, assistenti sociali… tutto questo non avrei potuto incontrarlo senza questa esperienza. Mi sono detta “perché non farlo anche per ciò che riguarda il mio mestiere?”.

Inoltre, l’esperienza da responsabile mi ha insegnato molto su di me e sugli errori che si possono fare quando si coordina il lavoro di un gruppo, su quanto sia difficile conquistarsi la fiducia di qualcuno e quanto sia facile perderla e su come rapporti e prospettive cambino a seconda che tu abbia o no la responsabilità di quello che accade. È importante viverlo.

Se eletta, credi che ci potrebbe essere un modo per portare all’interno dell’Ordine le sensibilità e le pratiche di prossimità che sono alla base delle comunità? Potrebbe, quindi, anche venire a crearsi un dialogo tra l’Ordine e le coabitazioni solidali?

Credo che la psicologia abbia molto da dire, e da fare, rispetto alle coabitazioni solidali. Da quello che so, le coabitazioni solidali stanno vivendo un momento faticoso: le dinamiche economiche, sociali e politiche stanno avendo un effetto soffocante su questi progetti. Spero che l’elezione di PAZ, a prescindere dai rappresentanti eletti, possa costruire un Ordine che faccia da cassa di risonanza per progetti così importanti dal punto di vista comunitario e per il benessere dei cittadini, attivando anche un dialogo con altri Ordini professionali. Spero anche che possano nascere collaborazioni, bandi e progetti in cui le coabitazioni solidali trovino spazio o aiuto. Per quel che riguarda il dialogo con l’Ordine, penso (e parlo a nome di tutti i membri di PAZ) che debba esistere a prescindere dal coinvolgimento di quest’ultimo nelle attività e nei progetti: la tutela dei professionisti e degli utenti che si rivolgono ad essi, si esercita anche nella possibilità per tutti di rivolgersi all’Ordine per costruire un dialogo.

Ritieni che il benessere psicologico sia influenzato dalle relazioni e dalla vicinanza? Esperienze come quelle delle coabitazioni solidali, dunque, possono contribuire a migliorare la società in cui viviamo?

Esperienza come quelle delle coabitazioni contribuiscono a migliorare la società in cui viviamo. Non dico nulla di nuovo se cito il concetto per cui la prevenzione non si vede, e questo è molto frustrante nel momento in cui si prova a spiegare l’importanza delle coabitazioni. Il benessere psicologico è un equilibrio influenzato da molte variabili in gioco, le relazioni sociali e la vicinanza umana occupano sicuramente il podio. Però qui voglio chiarire una cosa: non servono psicologi nelle coabitazioni solidali, serve cultura psicologica: serve compagnia per chi è solo, per chi sta male, serve gente che pranzi con altra gente, serve sistemare insieme il prato, serve festeggiare il Natale, preparare qualcosa per la fine del Ramadan, serve aiutare l’anziano a non cadere nelle truffe, serve allontanare la gente dalle dipendenze, serve farsi preparare il pranzo quando arrivi tardi, serve farsi spiegare come si prepara la pasta fresca e farsi raccontare storie di vita che non hanno più orecchie che le ascoltino. Gli psicologi, piuttosto, servono ai volontari come formatori, come mediatori del gruppo, come risorse da sfruttare perché troppo spesso è tutto lasciato alla buona volontà, al buon senso e all’improvvisazione. Queste ultime sono caratteristiche fondamentali in contesti umani, direi che sono la base di quanto viene fatto, ma molto spesso si ha la sensazione di essere soli in mezzo alla solitudine.

Leggi il programma

Metti mi mi piace alla pagina Facebook della lista “PAZ”

Leggi tutto >>

Parasite

Ki-woo è un giovane ragazzo, che vive con la famiglia in un sobborgo di una città della Corea del sud. Con lui la madre, il padre e la sorella, quattro persone per una topaia fatiscente in un seminterrato e la voglia di arrabattarsi quotidianamente per racimolare denaro. Quando il suo amico Kim gli propone di dare lezioni di inglese, alla figlia di una ricca famiglia, Ki-woo è perplesso, ma accetta. Entra così nella grande casa dei Park, disegnata da un celebre architetto, dove vive un nucleo famigliare identico al suo, soltanto molto più benestante, con tanto di autista e domestica. Ben presto Ki-woo intuisce che forse può coinvolgere i suoi famigliari in un piano diabolico, per insinuarsi all’interno della villa. Le cose sembrano funzionare, ma le sorprese, sempre meno piacevoli, non mancheranno.

Bong Joon-ho, regista sudcoreano, firma la regia (e anche il soggetto) di una pellicola straordinaria. Parabola grottesca e surreale sui rapporti di forza e di potere,  feroce metafora della lotta di classe e cinico apologo sulla nostra società, “Parasite” è un film che inquieta e affascina, disturba e spiazza, fa ridere e intimorisce. La sottile vena violenta che cova per metà della storia, insinuandosi come un parassita appunto, è destinata a esplodere. Attori perfetti, regia e sceneggiatura implacabili, scelta musicale azzeccata (con una chicca italiana su una scena strepitosa). Non potete perderlo.

Palma d’oro all’ultimo Festival di Cannes.

Leggi tutto >>

“Homes4all” ottiene il sostegno del Governo

Il progetto di Homers, movimento che sperimenta nuovi modelli di abitare – nato dal percorso di TRA-Architettura Condivisa e Fondazione Benvenuti in Italia – ottiene un finanziamento di 150mila euro

Insieme all’Amministrazione comunale fanno parte della cordata attori privati profit e non profit tra i quali Brainscapital, Homers, ACMOS, Camera di Commercio di Torino e Compagnia di San Paolo

Homes4All, un progetto per affrontare l’emergenza abitativa messo a punto dalla Città insieme a partner privati profit e non profit, ha ottenuto da Palazzo Chigi il finanziamento di 150mila euro, prima tranche di un contributo del Fondo nazionale d’innovazione sociale che potrebbe ricevere risorse fino a circa un milione e mezzo di euro.

Si tratta del primo di tre round di contribuzione per la promozione di modelli innovativi che mirano alla soddisfazione di bisogni sociali emergenti, secondo lo schema della finanza di impatto.

Homes4All intende infatti promuovere una strategia di housing attraverso una concezione alternativa rispetto all’attuale di servizio sociale abitativo, dall’individuazione di blocchi di proprietà, liberi o occupati, che potrebbero provenire sia dalle procedure giudiziarie sia da altra origine, quali ad esempio appartamenti inutilizzati o donazioni ad hoc messe direttamente a disposizione. La proposta nasce dalla capacità dell’ecosistema torinese di strutturare idee innovative, traendo forza da processi di ibridazione e contaminazione che trovano, in particolare, nella piattaforma Torino Social Impact un punto di ancoraggio e di promozione.

La gestione complessiva di tali immobili – sia quelli provenienti da privati sia quelli acquistati nel mercato immobiliare o provenienti da aste giudiziarie – verrebbe affidata ad una NewCo. La società veicolo fornirebbe servizi orientandosi in due direzioni: in caso di immobile libero, provvede alla ristrutturazione a fini di rivendita o di inserimento nei canali dell’affitto sociale; in caso di casa occupata, l’istituto si fa carico di stralciare la situazione debitoria dell’occupante, il quale riprenderà a pagare un affitto calmierato.

Obiettivo del progetto sarà anche quello di intervenire sulle dinamiche abitative degli inquilini al fine di promuovere la creazione di meccanismi partecipativi, collaborativi e inclusivi di abitazione. Il risparmio stimato per la Pubblica Amministrazione, in relazione al costo sostenuto per la messa a disposizione di strutture destinate all’emergenza abitativa, ammonta a circa 450mila euro, rendendo più efficiente l’impiego delle risorse e del capitale umano della Città di Torino.

Leggi tutto >>

Speakers corner: remain in the club. No Brexit

31 ottobre 2019. Nei giorni che segnano un cambio di passo nel rapporto tra Unione Europea e Regno Unito, l’associazione EuropaNow! in collaborazione con Benvenuti in Italia e Acmos, apre una finestra nella diciannovesima edizione del Festival di musica avant-pop Club To Club di Torino, per ribadire che la Brexit non è solo una questione britannica ma riguarda l’intera Europa. Lo “Speakers’ Corner” è un angolo all’interno dell’AC Hotel Lingotto – quartier generale di Club To Club e sede del Symposium del Festival – per dare la parola ad artisti, pensatori, giornalisti e tutti coloro che vogliono riflettere su come cambiare l’UE per salvarla.

Interventi di: Abdullahi Ahmed, Emiliano Audisio, Roger Casale, Max Dax, Jacopo Iacoboni, Eric Jozsef, Davide Mattiello, Carlo Pastore, Sergio Ricciardone, Gigi Roccati, Elly Schlein, Sergio Toffetti, Anna Zafesova (con il contributo video di Koert Debeuf, Ulrike Guérot, Madeleina Kay, Marta Lempart).

Leggi tutto >>

Campagna per la cittadinanza 2019-2020 – Happiness

Ci troviamo nella parte del mondo che presenta apparentemente un livello di benessere senza precedenti nella storia.
I diritti, le risorse e le opportunità che abbiamo a disposizione sono tali da aver decisamente allontanato i pericoli per la vita che hanno tenuto sotto scacco l’umanità per secoli: carestie, epidemie e guerre in questa parte di mondo non sono più il principale motivo di morte e sofferenza dell’uomo.

Nonostante molti limiti, sembra che l’umanità stia cavalcando a grandi passi alla ricerca di poteri quasi illimitati sulla natura e sulla vita stessa per garantirsi felicità, eterna giovinezza e allontanare il più possibile il problema della morte, con l’ambizione addirittura di sconfiggerla. Lo sviluppo si sta muovendo precisamente nella direzione promossa dalla cultura dominante: una visione sacra della vita e della felicità individuale, e una fede cieca nel progresso.

Proprio per addentrarci in un anno di lavori e riflessioni, che portino i giovani del Movimento di Acmos a prender coscienza, abbiamo voluto iniziare il nostro anno sociale con Fabio Anibaldi, che ha cercato di dare una sua definizione di felicità.

Ecco a voi un breve riassunto della nostra plenaria!

Leggi tutto >>

“Anduma” oltre l’errore, insieme

“Anduma”, in dialetto piemontese, significa “andiamo” e dà il nome al progetto, diffuso in tutta Italia e promosso da Libera, rivolto ai ragazzi, tra i sedici e vent’anni, sottoposti a procedimento penale da parte dell’Autorità giudiziaria minorile e impegnati in un percorso di riparazione.
Ragazzi e ragazze che devono scontare il periodo di “messa alla prova”, ovvero la sospensione del processo e l’affidamento ai servizi sociali per un cammino di crescita che, se va a buon fine, estingue il reato. E per farlo, questi ragazzi, insieme ai loro educatori, hanno scelto la strada dell’antimafia sociale e responsabile.
Abbiamo deciso di raccontare “Anduma”, il progetto piemontese di Libera realizzato in collaborazione con Acmos.

Leggi tutto >>

Tutto il mio folle amore

Vincent (G. Pranno) ha sedici anni e un disturbo della personalità, che lo fa oscillare tra scatti di ira e corse a perdifiato piene di energia. Vive con la madre Elena (V. Golino) e il marito di lei Mario (D. Abatantuono). Ma il padre di Vincent è il cantante Willi (C. Santamaria), scapestrato e incline ad alzare il gomito, soprannominato il “Modugno della Dalmazia”. Quando Willi ricompare improvvisamente, incontrando quel figlio che non aveva mai visto, le cose prendono un’altra piega. E comincia così un viaggio, tra padre e figlio, attraverso la Slovenia e la Croazia, mentre Elena e Mario cercano di inseguirli e trovarli. Willi deve fare i conti con un figlio strano e Vincent con un padre biologico che non è mai stata la sua figura paterna. Impareranno a conoscersi e volersi bene.

Gabriele Salvatores firma la regia di un film, liberamente ispirato al libro di Fulvio Ervas “Se ti abbraccio non aver paura” (in Italia edito da Marcos y Marcos). La storia, scritta con Umberto Contarello e Sara Mosetti, funziona: c’è quella miscela equilibrata di dolcezza e malinconia, umorismo e road movie, favola e romanzo di formazione. Il tutto nella cornice splendida dei Balcani, luci della fotografia efficaci, belle musiche di Mauro Pagani in sottofondo. Un terzetto di attori più che collaudato, dove Abatantuono spicca per misura e ironia, Santamaria per il suo Willi un po’ cialtrone e un po’ impacciato (e per le canzoni che interpreta davvero), ma va citata soprattutto la prova di Giulio Pranno, prima volta sul grande schermo, che incarna tutto il vitalismo innocente e brutale di Vincent. Tra situazioni surreali e passaggi di rara tenerezza, si ride e ci si commuove. In fondo è la storia di un padre che non sa come prendere un figlio che non ha mai conosciuto, ma vuole farlo a tutti i costi e di un figlio che vuole amare un padre, anche se non lo ha mai visto, perchè è la cosa più semplice che sa fare.

Leggi tutto >>

SANGUE INDIGENO: Non una goccià in più!

Il report dell’IPCC (Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici) dello scorso agosto ha riconosciuto il ruolo dei Popoli Indigeni come guardiani delle foreste, confermando l’importanza del loro contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici.

Una delegazione di leader indigeni ha fatto tappa a Torino, accolti in Casa Acmos, per presentare la Campagna “Sangue indigeno: non una goccia in più“, promossa dall’associazione APIB, in collaborazione con numerose organizzazioni della società civile, come Casa Comune, Greenpeace, Friday For Future e Parents for future.

Parlare, incontrarsi per denunciare le sistematiche violazioni dei diritti delle popolazioni indigene del Brasile e fare pressione sul governo brasiliano e sulle aziende del settore agroalimentare affinché rispettino gli accordi internazionali sui cambiamenti climatici e sui diritti umani sottoscritti dallo stesso Brasile.

Le prime attività del governo Bolsonaro sono state mirate all’accorpamento delle realtà indigene, come il FUNAI, Fondazione Nazionale dell’Indio, al Ministero dell’Agricoltura, così da poter legittimare la costruzione di miniere e di imprese agricole in territori appartenenti agli indigeni.
Queste sono le denunce che questi popoli continuano a portare alla luce, anche a seguito degli incendi divampati in 5 stati del Sud America, colpendo le regioni amazzoniche.

Momenti a cui bisogna esserci, perché la testimonianza e l’incontro sono il primo passo per cambiare le dinamiche di soprusi e per tutelare il nostro oggi, ma soprattutto il nostro futuro.

Leggi tutto >>

#acmos20 i mali del nostro tempo e una cura

La vita è una sintesi instabile tra la realtà e il sogno.
Per i nostri 20 anni ci siamo messi allo specchio, ripartendo dai temi generatori del movimento.

Con il seminario “La Cura” abbiamo ragionato su quale sia il modo migliore per fornire ai giovani “esperienze di senso” e strumenti utili per rafforzare il proprio carattere e superare le difficoltà.
Leggi tutto >>

Grazie a Dio

Lione, 2014. Alexander (M. Poupaud), credente, sposato e con 5 figli, scopre che il prete (padre Preynat) che abusò di lui quando era un ragazzino e frequentava gli scout, è ancora a contatto con bambini come allora. Scrive al Cardinale Barbarin e lo incontra, per chiedere che il prete venga ridotto allo stato laicale. In tutto questo, Alexander comincia ad accorgersi che tanti sapevano e non hanno detto nulla. L’obiettivo diventa allora mettere sotto accusa tutto il sistema. Parallelamente si sviluppano le storie di Francois (D. Menochet) e Emmanuel (S. Arlaud), a loro volta vittime di Preynat in gioventù, e che insieme ad Alexander danno vita a un’associazione per cercare testimonianze di altri bambini abusati e chiedere verità e giustizia. Il caso finirà per coinvolgere l’autorità di polizia e quella ecclesiastica.

Film ispirato a una storia vera, messo in scena dal poliedrico Francois Ozon, che qui si rivela sobrio e risoluto, è una storia che fa male e colpisce allo stomaco: racconta, senza giudizio, il senso di colpa e la vergogna delle vittime, il muro di omertà di buona parte degli adulti (più o meno coinvolti), le omissioni vigliacche, il silenzio complice, ma soprattutto la fatica e il dolore anche a distanza di anni a parlare del trauma, la volontà di rimuovere e dimenticare. Impossibile non collegarlo a “Il caso Spotlight” di qualche anno fa, ma qui non si tratta di un’inchiesta giornalistica, ma di una battaglia civile di cittadini comuni. L’ultima domanda che pone uno dei figli di Alexander al padre strugge il cuore.

Orso d’argento, gran premio della giuria, al Festival di Berlino. Un film necessario. 

Leggi tutto >>

I giovani di tutta Europa traditi dalla Brexit

La reazione della rete di associazioni che formano il “We Care”: una carovana per incontrarsi, organizzarsi e reagire al disgregamento dell’Unione Europea

Dal 19 al 27 ottobre un viaggio a tappe in tutta Italia, accompagnati dalla riproduzione a grandezza naturale di Jo Cox, giovane deputata europeista uccisa per le sue idee

Èdi ieri lanotizia dell’accordo raggiunto tra tra il premier britannico, Boris Johnson, e il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

Di fronte al succedersi degli eventi, la rete nazionale di associazioni “We Care” ha deciso di mettersi in movimento, per costruire legami nazionali e internazionali in grado di opporsi al disgregamento dell’Unione Europea.

I nostri Diego Montemagno e Giacomo Molinari, presidente e vicepresidente di ACMOS, si metteranno in viaggio per incontrare le realtà che compongono il “We Care”, continuare a stringere rapporti e ragionare insieme ai giovani di tutta Italia sul modo migliore per opporsi alla deriva nazionalista. Una deriva che pervade anche la Brexit, condannando le aspettative dei giovani del Regno Unito – che al referendum sulla Brexit votarono in larga maggioranza per il Remain – e deludendo una intera generazione di Europei: cresciuta in mondo sempre più interconnesso, ma messa ai margini da una politica miope che vuole cancellare la speranza di un futuro comune.

Nel loro viaggio, Diego e Giacomo, porteranno una riproduzione a grandezza naturale di Jo Cox, la giovane deputata britannica uccisa nel 2016 da un fanatico che ha voluto interrompere la sua vita, pensando così di frenare anche la passione europeista che la animava. Tutti i giovani che parteciperanno alla carovana si fotograferanno insieme all’immagine di Jo Cox, prestando simbolicamente la propria vita al suo sogno.

<<La nostra generazione ha assistito all’abbattimento del Muro di Berlino. Pensavamo, quindi, che l’Europa avesse capito la lezione della storia e non sarebbe mai più stata divisa, ma così non è. Diversi muri sono stati eretti in tutto il Continente: Ungheria e Calais, solo per fare alcuni esempi. Lungo la Manica sta per esserne costruito un’altro, immaginario, ma altrettanto reale nelle sue conseguenze. Forse ci metteremo altri trent’anni. Forse meno. Dipende da quanti saremo e come sapremo organizzarci, ma abbatteremo quel muro, come quello di Berlino. Sentiamo, infatti, l’esigenza di sentirci appartenenti a un’Europa comune e la responsabilità di costruire una Repubblica d’Europa per un futuro diverso e migliore.>> Afferma Diego Montemagno, presidente di ACMOS.

Calendario della carovana:

– 19 ottobre: Verbania

– 20 ottobre: Sarzana (SP)

– 21 ottobre: Firenze

– 22 ottobre: Foligno

– 23 ottobre: Bologna

– 24 ottobre: Milano

– 25 ottobre: Udine

– 26 ottobre: Trieste

– 27 ottobre: Ritorno a Torino

Leggi tutto >>

Teachers Ahead: al via il secondo anno di progetto

Per dare l’avvio al secondo anno di progetto, nei giorni 14 e 15 ottobre 2019 si è tenuto a Valance (Francia) uno staff meeting del progetto Teachers AheadDigital skilled Teachers Acting for Higher and Inclusive Education.

Teachers Ahead è un progetto europeo realizzato all’interno della linea KA2-partenariati strategici che coinvolge dieci partner tra scuole, università e associazioni di Italia, Francia, Spagna, Bulgaria e Gran Bretagna. Il progetto intende generare momenti di formazione e confronto tra docenti ed elaborare strumenti per una scuola inclusiva.

La prima mobilità per docenti ed educatori avvenuta a Cordoba nell’aprile 2019, ha portato alla realizzazione dei seguenti tre outcomes:

Grazie a questo staff meeting siamo pronti per ritrovarci a marzo a Burgas (Bulgaria) con i nostri partner per lavorare insieme su tre intellectual output del progetto: una piattaforma moodle, un’app per docenti e la mappa europea dell’inclusione.

Potete trovare il sito che raccoglie tutti i materiali del nostro progetto al seguente link.

Leggi tutto >>